< < aronne | Il Cannocchiale blog
.
Annunci online

  
 

    
ARONNE: "quando ti pisci addosso rimani al caldo solo per un po' "
  



30 maggio 2011

Conferma




Elezioni 2008. Io sono qui. E tu dove sei?


16 maggio 2011

Avvistamenti pre-elettorali


Torino, piazza Carignano. Ad una tavolo da Pepino, Piero Fassino e consorte, per meglio precisare la moglie, conversano amabilmente con Aldo Cazzullo e compagna. Al Teatro Carignano Ugo Pagliai (Estragone) ed Eros Pagni (Vladimiro) aspettano Godot.




  


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. Fassino Torino elezioni Cazzullo

permalink | inviato da aronne il 16/5/2011 alle 11:53 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


8 marzo 2011

A Torino il Pdl rischia la S-Coppola...


A volte il nome è tutto. Si vocifera che Berlusconi il 21 Marzo, con una mega convention lancerà Coppola. Candidato del Centrodestra a sfidare Fassino alle Comunali di Torino. Ora, con tutti i guai che ha già, con tutte le allusioni che riceve e deve sopportare, ma dico io proprio uno che si chiama Coppola doveva coinvolgere?

 

 




  


4 marzo 2011

Risiko sotto la Mole


La Santanchè potrebbe essere la rivale di Piero Fassino alle comunali di Torino.
La Politica, si sa, è come il Risiko. In funzione degli obiettivi, in alcuni paesi è preferibile lasciare solo un carro armato.  
 



  


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. Santanchè Torino elezioni Sindaco Fassino

permalink | inviato da aronne il 4/3/2011 alle 9:1 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa


21 febbraio 2008

Un filo giallo



La campagna elettorale si giocherà a centro. Quella zona dell'arena politica che l'apparenza mediatica vuole confinare a mera strisciolina vecchia ed ingiallita. Tra l'azzurro e il verde. Giallo, verde e azzurro. Già, la tricomia. Che se ci pensi, e mescoli il verde con l'azzurro, poi...Ma lasciamo stare. In fondo sono cromatismi. E l'elettorato, si sa, quello borghese e neo proletario, che poi siamo noi, è un po' daltonico.
I due schieramenti maggiori si trovano poi, in fondo, nella stessa situazione. Sono costretti a dire le stesse cose. Come in una regata di vela, l'uno marca il fianco sopravvento dell'altro. A mossa del primo segue la contromossa dell'altro. A prescindere da ideologie, programmi, valori fondanti. Chissenefrega dell'identità. La moda di oggi è vecchia domani. Nè radar, nè sestanti. Si naviga a vista ed il paese è costretto a non prendere il largo.
Sono lì a scontrarsi su chi muove per primo, a chi fa una fujtina in avanti. Salvo poi essere pronto a ritrattare se il sondaggio del giorno la boccia. Speculatori di voti, come lo sono quelli finanziari per i titoli. Pochi rischi, a giocare sulle fluttuazioni. Come quei brookers che oggi vendono quello che oggi hanno comprato. Distorcendo il mercato, disorientando l'elettore. Tant'é.
Con l'occhio, sempre più strabico, che guarda, fisso,  quel centro. Quel filo giallo che è sempre più stiracchiato. Veltroni spera si inciccisca dei voti che i centristi intercetteranno, privandoli alla destra. Berlusconi che spera, invece, che si inciccisca per i voti dei delusi della sinistra maanchista, cattocomunisti che, magari, hanno giudicato male l'ingresso dei radicali nel PD. I poveri radicali...
Loro che liberali, libertari e libertini, più che stiracchiarlo quel filo giallo, lo prenderebbero a morsi per strapparlo. Con solo un keeway sono lì, a prua,  mezzo marinaio in mano, a fare da mozzo ai velisti de sinistra....

M.F

sfoglia     aprile        giugno
 
 


 >> >>  in evidenza  << <<
  
  "Eurobond, Eurobond!"
  




  
I pionieri dell'Imprenditoria
 


  
                Statistiche

 Site Meter  



 















CERCA

Paperblog : le migliori informazioni in diretta dai blog