< < aronne | Il Cannocchiale blog
.
Annunci online

  
 

    
ARONNE: "quando ti pisci addosso rimani al caldo solo per un po' "
  



24 settembre 2010

Salari e lavoro

Qualche riflessione sul tema sollevato lunedì da Lerner all'Infedele.
La sproporzione tra salario e lavoro. QUI
 


4 novembre 2009

LuttHouse

Luttazzi in un imperdibile articolo su l'Unità



Oggi su La Stampa, l'intervista a Luttazzi di Andrea Scanzi
QUI

“Non faccio satira “per andare in tv”. Ci vado se posso fare satira. La satira è come un’arte marziale. Quando porti il colpo, la forza che ci metti è l’ultimo dei problemi. Posso colpirti con molta più efficacia col minimo di potenza, se so il fatto mio. Infatti io non colpisco mai a vuoto. A differenza del Pd”.
 


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. luttazzi ministri scajola bondi unita carfagna alfano

permalink | inviato da aronne il 4/11/2009 alle 17:45 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


27 maggio 2009

Pannella

Ieri sera Pannella a Ballarò è riuscito a farmi godere.  Quando Floris gli ha detto che aveva solo 2 minuti per il suo interevento ho pensato che si perdesse nell'apertura di qualche parentesi. Invece, è stato sintetico: "Franceschini hai proprio la faccia come il culo". Fotografia perfetta del PD, dell'Ulivo, di Prodi e di quel demochicchichì che è la sinistra di oggi rappresentata dal Piddi.



25 maggio 2009

Ancora rido

Sono reduce da uno di quei momenti che vedono chiamata a raccolta tutta la famiglia. Non è certamente la mia. Che quella...Ma quella acquisita. Ebbene, durante il pasto si parla di Piazza Torre Argentina, del perchè abbia questo nome. Pare che non abbia nulla a che fare con l'Argentina, ma con qualche Argentariorum o che so io. Ad ogni modo, visto le diverse estrazioni sociali, culturali e i diversi redditi in gioco, cerco di stuzzicare i commensali: “Piazza Argentina è la Piazza di Pannella. Punto”. Un diacono, presente tra i tanti quasi sputa la carne cruda! Si scatena il putiferio. I Berlusconiani statisticamente in maggioranza non si dichiarano, ed ascoltano le arringhe sinistroide che coprono tutto lo spettro dell'invisibile, dal comunista tranchant al riformatore slow. Il risultato però è inapsettato e bipartisan:“A proposito di radicali, quello che non si può ascoltare è Capezzone...”


7 maggio 2009

E' una mania

Prima Bondi lo paragona ad Olivetti.  Pillitteri sull'Opinione di ieri a Mattei:"i pregi eccezionali di un fantastico quanto contraddittorio protagonista del rinascimento industriale italiano, marchigiano, figlio (1906) del maresciallo dei carabinieri che arrestò il brigante Musolino, già piccolo ma svelto industriale con simpatie populiste e fasciste e poi coraggioso comandante della Resistenza, un vero e proprio tycoon (una sorta di Berlusconi ante litteram) dell’industria di stato, creatore di un impero con 100 mila dipendenti, sognatore e pragamatico, cinico e infaticabile organizzatore, poco colto ma geniale inventore di simboli (il cane a sei zampe) e di giornali (Il Giorno), corruttore di uomini e partiti ma indifferente al denaro per sè, elegantone e danceur seducente, innamorato della sua Greta ma dalle innumerevoli avventure, ora stabili ora fuggevoli."

E' proprio una mania!


23 aprile 2009

IL SOLE IN TASCA



Il libro è un’opera di propaganda. Molto ben confezionata. Curata e capace di mantenere una coerenza che, visto l’accostamento dei due personaggi, sembrerebbe impossibile. Obiettivo ambizioso perchè si rivolge ad un pubblico anodico. Sandro Bondi, anche se viene il sospetto che non sia sempre farina del suo sacco, procede tra filosofia, teologia, prassi, ideologia ed utopia nell’adorazione di Silvio Berlusconi: uomo, politico, imprenditore. La tesi si fonda su tre assi portanti: l’antistatalismo, l’urbanistica, la libertà come spinta allo sviluppo ed al progresso.

Segue su Giornalettismo.com


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. Bondi Berlusconi Olivetti IL SOLE IN TASCA

permalink | inviato da aronne il 23/4/2009 alle 16:38 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


14 novembre 2008

Cultura in pericolo

I tagli imposti da Tremonti raggiungono anche la cultura. Dopo la scuola, anche i teatri lirici. E tra gli addetti ai lavori ci si mobilita. Dai diretti interessati, personaggi artisticamente indiscutibili, viene il grido di allarme e l'esortazione alla mobilitazione. Che è discutibile. Perchè grida al taglio dei fondi senza proporre alternative. Nè nel merito, nè nel metodo. Se c'è da tirare la cinghia, dobbiamo farlo tutti. E forse, alcuni notabili del mondo dell'arte potrebbero, rinunciando al loro eterno ruolo di prime donne, fare un passo indietro rendendo automaticamente meno oneroso il costo per la collettività della loro arte. E magari potrebbero trovare spazio dei giovani, a costi inferiori.

Dal teatro regio di Torino arriva questa mail d'allarme
"Carissimi la cultura nel nostro paese è in pericolo, Il Teatro Regio di Torino si impegna a sensibilizzare tutti i cittadini attraverso un’iniziativa diversa e costruttiva. Partecipate!"

Tuttavia anche tra gli appassionati, questo modo di agire, mai costruttivo, da parte di coloro che da dentro potrebbero fare delle proposte costruttive, inizia a urticare e partono delle risposte di mobilitazione critica:

"Incipit: “Mi sedetti dalla parte del torto avendo compreso che dalla parte della ragione i posti erano già tutti occupati” (Berthold Brecht).
E’ il momento di fare delle proposte costruttive, non basta dire sempre: No! Non possiamo pensare che le vere riforme, quelle che servono veramente, vengano solo dall’alto. Innanzitutto ognuno di noi deve fare autocritica. Chi più chi meno non ha potuto non vedere dove stavamo andando, quali scelte sbagliate stavamo facendo. Ma per un’infinità di motivi siamo stati zitti. E questo vale per gli Enti lirici, per l’Università, per gli Enti di ricerca, per l’Alitalia, per tutti quei carrozzoni che garantiscono privilegi per pochi i quali, con miopia patologica, non accettano di lasciare spazio ai giovani, che sono le vere vittime di questo sistema che si sta sgretolando.
Il teatro Regio di Torino sarà certamente un Ente virtuoso, ma ha sempre fatto parte di un sistema che per una sciagurata gestione delle risorse è ormai arrivato al capolinea. Produzioni faraoniche utilizzate per sei, sette recite senza che nessuno si opponga a questo spreco. Assoluta mancanza di coordinamento; sempre gli stessi notabili incapaci di fare un passo indietro. Non ho sentito nessuno denunciare gli sperperi di un Ronconi che in occasione delle Olimpiadi ha fatto spendere alla città una fortuna. Ma invece mi è toccato leggere che Enrico Salza, alla domanda di un giornalista, ha avuto il coraggio di affermare che “non vedeva nessun giovane in grado di prendere il suo posto”. Ma questa classe di vecchi insaziabili non si rende conto che affermazioni come questa sono la confessione dell’incapacità di selezionare e formare? O sei stato così miope da essere stato incapace di individuare i bravi che non puoi non aver incontrato nel corso della vita o sei così modesto che hai sempre scelto i mediocri per la paura di essere messo in ombra.
L’altra sera sono andato a vedere uno spettacolo di giovani; la manifestazione si chiama Rigenerazione. Quanta gioia di fare, quanta freschezza in quelle proposte. Sono uscito stimolato ed incazzato. Stimolato per aver colto in quei giovani l’entusiasmo che nasce in chi crede che tutto sia possibile. Incazzato perché ho pensato a quanti vecchi tromboni chiudono la strada a chi ora avrebbe proprie ali per volare.
Ma perché la Scala non va contro corrente, non scrittura per la regia della sua serata inaugurale i giovani dell’Accademia Nazionale di Arte Drammatica? Sarebbe un segnale forte che farebbe riflettere. Si teme forse che, senza i costumi della Squarciapino, i Ligresti, le veline e le Eveline lascerebbero vuote le poltrone della sala del Piermarini?
Perché per mettere in scena lo stesso titolo con praticamente lo stesso cast in due teatri italiani occorrono due mesi di prove (un mese nel teatro A e l’altro mese nel teatro B) solo perché sono cambiati il direttore d’orchestra ed il regista?
Ma ci rendiamo conto dei costi assurdi che questa disorganizzazione comporta? Quanti ricercatori potremmo pagare risparmiando, senza penalizzare i melomani (tra i quali il sottoscritto) che affollano i teatri d’opera italiani.
Ma lo sanno coloro che dicono “NO !” senza proporre nulla di nuovo che dei 4200 posti messi a concorso in varie università e di cui tanto parlano gli organi di informazione circa 400, cioè un decimo, sono per nuovi ricercatori? Tutti gli altri sono per professori associati ed ordinari?
E così si blocca la possibilità di nuove immissioni per un’intera generazione di giovani. Per questi motivi, invece che far vedere quanto è virtuoso il Regio di Torino, avrei preferito ascoltare proposte capaci di indicare un percorso nuovo, che comunque, volenti o nolenti, si dovrà imboccare.
Epilogo: “Due sono le cose che dovremmo lasciare ai nostri figli: radici ed ali”(Goethe). Perché la mia generazione non capisce che alla base di ogni cultura che non si richiuda su se stessa non può che esserci questa filosofia di vita?"

sfoglia     agosto        ottobre
 
 


 >> >>  in evidenza  << <<
  
  "Eurobond, Eurobond!"
  




  
I pionieri dell'Imprenditoria
 


  
                Statistiche

 Site Meter  



 















CERCA

Paperblog : le migliori informazioni in diretta dai blog