< < aronne | Il Cannocchiale blog
.
Annunci online

  
 

    
ARONNE: "quando ti pisci addosso rimani al caldo solo per un po' "
  



2 marzo 2011

Risate a denti stretti


De Benedetti su La Stampa in una lunga intervista.  Difficile da commentare. Ma sicuramente molte idee per la pagina delle Risate a denti (e non solo) stretti del prossimo numero della Settimana Enigmistica.

D.: E dunque, gli investimenti?

R.: «Penso - ma lo dico come criterio generale e non come programma della società - che usciremo dalla crisi con un aumento dell’inflazione. Quindi ritengo che in questa fase l’investimento in beni reali a medio-lungo termine sia premiante, mentre è da escludere la finanza fine a sè stessa».


  


3 settembre 2010

Golfo del Messico

Esplode un'altra piattaforma petrolifera. Per fortuna in quella zona, ormai,
è impossibile distinguere nuove maree nere.


29 agosto 2010

Negoziati Italia-Libia

Silvio B. e Mu'ammar G. sono davanti a due aperitivi. Due calici di petrolio.  E discutono privatamente.

Silvio B. : Caro Mu'ammar, ammetterai che è tutta questione di come chiami le cose.
Mu'ammar G. : Certo Silvio, è così. Tu hai la scorta di escort. Io,  la scorta di amazzoni.

Silvio B.
: sempre di scorta si tratta.
Mu'ammar G.  : già. Ahahahaha!!!!

Ridono crassamente entrambi.


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. petrolio Silvio Gheddafi amazzoni scorta escort

permalink | inviato da aronne il 29/8/2010 alle 17:14 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa


10 settembre 2008

Coma etanolico


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. petrolio etanolo mais cogenerazione

permalink | inviato da aronne il 10/9/2008 alle 13:53 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


4 maggio 2007

L'infinitamente grande e l'infinitamente piccolo



'a valata

Il petrolio. Da una parte. Risorsa infinitamente grande, infinitamente cara e infinitamente fonte di lotte e di crisi geopolitiche. Un oggetto del contendere, uno strumento di potere, una mercanzia di scambio. La Nigeria, territorio infinitamente grande, infinitamente lontana. Lontana per usi, costumi, storia. Cromaticamente legata al petrolio. Seduta su un sottosuolo infinitamente grande e ricco di oro nero, ineluttabilmente condannata ad una infinitamente grande povertà civile.
Pozzallo. Un paese infinitamente piccolo della costa sud-orientale della Sicilia. 'A Valata, un parcheggio. Una piazzetta riservata al parcheggio dei veicoli e, almeno un tempo, eletta a piccolo Bernabeu da un infinitamente piccolo gruppo di giovani adolescenti. I valatari. Segno di una identità necessaria nell'adolescenza come in tutti quei momenti in cui, come in quel fragile momento della vita, ti senti infinitamente piccolo di fronte ad eventi infinitamente grandi. Tant'è.

Ignazio "Luca" Gugliotta è un Pozzallese ed è un valataro. E' nelle mani dei ribelli del Delta del Niger. Infinitamente piccoli ribelli che lottano per il riscatto della propria regione contro un sistema, economico e geopolitico, infinitamente grande.
E' figlio di una tradizione, quella pozzallese, che lamenta la dipartita dei suoi figli verso ogni angolo del Mondo, salvo poi puntare su un Istituto Nautico piuttosto che su istituti professionali e su un distretto artigianale autoctono per la formazione dei suoi rampolli.
La condizione di Luca, di angosciosa prigionia, induce a riflettere sui mali di quel provincialismo per cui "è meglio emigrare ma mandare i quattrini alle mogli al paesello". Ci spinge a riflettere sulla mancanza di pianificazione sistemica, sull'assenza della Politica. Di un indirizzo, di un orientamento. Il non costruire nulla di sostenibile in casa propria esprimendo i caratteri e le potenzialità di una terra magica, ricca ma disgraziata. Di quell'aria di fumosa e inconsistente nobiltà di chi, reuccio senza portafoglio,  invia i propri figli verso percorsi di studio disaccoppiati dal proprio terroir. I responsabili di questa inutile e sventurata diaspora. Il tutto in nome della futura "posizioni", per potersi "riempire la bocca".
Un Sud spopolato di giovani. Un angolo, infinitamente piccolo del Sud, adesso pronto con le sue litanie e  suoi rosari a pregare "a Maronna i Portosalvo" chè "ci riporti u' picciottu".

Ma è tempo di mettere da parte il pessimismo della ragione. L'agonismo valataro non perde mai le battaglie importanti. Questo ci aiuta a sperare!




Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. nigeria petrolio ribelli pozzallese sequestro

permalink | inviato da aronne il 4/5/2007 alle 16:32 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (5) | Versione per la stampa
sfoglia     febbraio        aprile
 
 


 >> >>  in evidenza  << <<
  
  "Eurobond, Eurobond!"
  




  
I pionieri dell'Imprenditoria
 


  
                Statistiche

 Site Meter  



 















CERCA

Paperblog : le migliori informazioni in diretta dai blog