< < aronne | Il Cannocchiale blog
.
Annunci online

  
 

    
ARONNE: "quando ti pisci addosso rimani al caldo solo per un po' "
  



8 maggio 2011

Finesettimana a Torino / 2



Se si vuole che Torino sia una città con un forte piglio turistico bisogna fare in modo che essa accolga manifestazioni di piazza ma al tempo stesso più coerenti con la raffinatezza e lo charme della città.
Di una Torino che è sabauda, che è stata prima capitale d’Italia, che è uno scrigno di tesori (arte) che ha ospitato grandi matematici (Lagrange, Tricomi), chimici (Avogadro), letterati (una lista interminabile), mecenati (Gualino). Perchè non candidare Torino a sede del prossimo gay pride?
Il movimento gay ha, per ragioni antropologiche, un profilo coerente con la città sabauda. In ambienti poveri, o economicamente rarefatti, è difficile emanciparsi dichiarandosi gay. La popolazione dichiaratamente gay vanta quindi, mediamente, un buon reddito. Ed ha conseguentemente una maggiore propensione alla spesa.
Un gay ha gusto, capisce ed apprezza l’arte, il bello. Lo stesso non si può dire con la stessa certezza statistica per un alpino medio. I gay sono in grado di apprezzare Torino e di coglierne quel suo fascino raffinato e dark. Torino è una città mitteleuropea. Più simile a Berlino che a Tigliole d’Asti dove andrebbero confinate certe manifestazioni becere e triviali come quella dell’adunata degli alpini.
Non venitemi a dire che la notte testè trascorsa gli alpini sbronzi hanno visitato i Musei rimasti aperti per l'occasione.


8 maggio 2011

Finesettimana a Torino / 1



Questo week end Torino è stata invasa dagli Alpini. 500 mila alpini provenienti da tutta Italia. Oggi, mentre questo post viene scritto, è domenica 8 Maggio e se ne celebra l’adunata davanti alle più alte cariche dello Stato. A Torino, appunto, per l’occasione. Venerdì c’è stato anche il presidente della Repubblica Napolitano. Lo smog in cielo si è colorato di bianco, rosso e verde grazie alla Frecce Tricolore. Va tutto bene. A gonfie vele. L’economia gira.

Saitta e Chiamparino, con il cappello da alpini, gongolano perché Torino è finalmente una città turistica. Saitta, originario di Raddusa (Catania), presidente della provincia di Torino, (ma non le dovevano togliere le provincie?), è effettivamente poco probabile come alpino, semmai etneo, ma è raggiante al pensiero che ieri sabato ci sarebbe stata la notte bianca con i Musei tutti aperti, con le strade del centro invase da questa folla festante e colorita degli alpini mescolati alla gente comune. Ai Torinesi. Evviva.
Ho le piume bagnate dal godimento. Meno male che ormai si usa il computer e non il calamaio, altrimenti addio post!

Per capire l’importanza di questo turismo, di questo bagno di folla nelle vie del Centro, quello nobile ed austero, parigino, di Torino, di classe, fatto da: Via Lagrange, Piazza San Carlo, Piazza Carlina, basta affidarsi ai servizi da Piazza Castello del Piemontesissimo Gianfranco Bianco. E’ lui che con le sue interviste tra la gente, i protagonisti, ci dischiude l’antropologia della festa.
L’alpino medio non ha fatto alcuna guerra. Semmai è tra quei pochi che hanno fatto ancora la leva, quando era obbligatoria. Abolire la leva obbligatoria penso che sia stata una delle poche cose buone che la Politica ha fatto ultimamente. Un anno perso che spesso giovani laureati dovevano letteralmente buttare a spostare scatoloni da un fabbricato ad un altro, mangiando male per un anno e fumando, quello sì, un sacco di canne.
 Ecco, a questo anno così inutile molti alpini presenti all’adunata sono nostalgicamente legati al punto da mettere mano al portafoglio per venire a rivivere un paio di sbronze davanti a Vittorio Emanuele in completo di piombo nerissimo con papillon color merda di piccione d’ordinanza. Fantastico. Che colori!


Ieri mattina, sabato, quando la maggior parte dei torinesi, autoctoni o di adozione forzata, svolgeva le sue faccende del finesettimana per rispettare il ciclo di vita borghese, nei mercati non era un’eccezione trovare alpini già sbronzi riversi, pancia a terra, in una pozza di vino. Posto che si capisce perché non abbiamo mai vinto alcuna guerra, volendo essere ottimisti, potremmo pensare che questo Oktoberfest di Maggio è comunque un buon modo per iniziare a copiare i tedeschi che crescono così tanto nel PIL.
Peccato però che un alpino mediamente è culturalmente arretrato, e tipicamente economicamente poco propenso alla spesa, bivacca senza spendere, e consuma solo vino scadente a pochi Euro. Ma, sono sicuro che questa notte, testè passata,  avrà visitato tutti i Musei. Da giurarci!


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. fini torino chiamparino saitta alpini cota adunata

permalink | inviato da aronne il 8/5/2011 alle 15:24 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
sfoglia     aprile        giugno
 
 


 >> >>  in evidenza  << <<
  
  "Eurobond, Eurobond!"
  




  
I pionieri dell'Imprenditoria
 


  
                Statistiche

 Site Meter  



 















CERCA

Paperblog : le migliori informazioni in diretta dai blog