< < aronne | Il Cannocchiale blog
.
Annunci online

  
 

    
ARONNE: "quando ti pisci addosso rimani al caldo solo per un po' "
  



29 aprile 2011

Salone del Libro

Il 16 Maggio alle ore 19 presento, con Antonio Galdo, Imprenditori d'Italia al Salone del Libro di Torino.
Le coordinate dell'evento QUI.



29 aprile 2011

7 mosse per l'Italia


Il 25 Aprile da Genova, a bordo di uno yacht a vela, un gruppo di italiani capitanati da Oscar Farinetti (patron di eataly) e di Giovanni Soldini (skipper) ha preso il largo alla volta di New York. L’iniziativa, “7 mosse per l’Italia”, vede coinvolti tra i membri dell’equipaggio ventidue uomini, tra cui diversi imprenditori ed intellettuali nostrani. Obiettivo: individuare attraverso il reciproco confronto alcune ricette immediate che possano migliorare la situazione dell’Italia.
I nomi: Baricco, Scurati e l’immancabile Odifreddi tra gli intellettuali; Marzotto e Falck tra gli imprenditori. Per citare i nomi più noti al grande pubblico.

Italo Svevo, o meglio Ettore Schmitz, rimase Ettore Schmitz fino a quasi la sua morte. Eppure aveva scritto (La coscienza di Zeno) un libro oggi considerato un capolavoro della letteratura del Novecento. Non era forse un intellettuale? Eppure quello che oggi ricordiamo come Italo Svevo per i suoi contemporanei fu solo Ettore Schmitz, un semplice commerciante. Conobbe la notorietà pochi anni prima della sua morte grazie al ruolo decisivo di James Joyce e di Eugenio Montale.
Michele Ferrero, industriale patron dell’omonimo gruppo di Alba, oggi ottantaseienne, vittima della scomparsa improvvisa del figlio Pietro, deve maggiore notorietà proprio al recente momento di lutto che al suo passato di imprenditore geniale. Sue invenzioni sono infatti la Nutella(1963) e il Kinder (1967). Quando inventava quei prodotti che gli hanno permesso di essere l’uomo più ricco d’Italia, di dare lavoro a ventidue mila dipendenti in diciotto stabilimenti in tutto il mondo, pochi, mi riferisco al grande pubblico, avevano presente il suo volto.

Due esempi per dire che oggi va recuperato il senso della riservatezza, della operosità schiva. Gli intellettuali tornino a fare il proprio mestiere. Interpretare la realtà fornendo le chiavi di lettura per comprenderla al meglio. Gli imprenditori tornino a fare profitti rischiando le proprie risorse e non quelle pubbliche. Costruendo cose nuove, semplici e belle.
L’unica ricetta grazie alla quale un paese, senza petrolio, senza nucleare, e senza rinnovabili drogate da incentivi assurdi, possa avere una bilancia dei pagamenti in positivo e contenere la disoccupazione. Con lo sviluppo verrà anche, poi,  la modernizzazione. Tant’é.





  


29 aprile 2011

Tornado e reliquie


Sommario dei giornali di questi giorni: tornado e reliquie. Tornado negli USA: morti. Tornado in Libia: morti. Anche se può sembrare assurdo, specie se si considera la mediocrità diffusa tra la stragrande maggioranza dei parlamentari italiani, un Parlamento ha la capacità di fare gli stessi danni di una calamità naturale.
Domani venerdì, si sposano William e Kate. Il ricco futuro Re e la giovane del popolo. E’ sconfortante scoprire che neanche l’esterofilia può fornire una soluzione al disagio che si prova nel constatare ogni giorno la profonda arretratezza culturale del nostro paese. Neanche al di là della Manica stanno meglio, sembra.
Ma l’Italia non rimane a guardare. Se la competizione è sul vouieristico e feticista venerare della reliquia, variante religiosa del regnante strascico (drappo morto di essere vivente), ecco che domenica a Roma la beatificazione di Papa Giovanni Paolo II. D'altronde, una repubblica fondata sulla mummia di Mazzini pietrificato non può che trarre linfa vitale, non da una crescita culturale e di partecipazione della masse, bensì dal loro annichilimento di fronte alla osservazione adorante delle reliquie di Santi laici e religiosi. Italia popolo di navigatori e di imbalsamati.





  


29 aprile 2011

Tomica




Il Dott. Battaglia (Università di Modena) pochi minuti fa era da Santoro a far prevalere le ragioni del nucleare. Fuori dal merito, che in TV lascia il tempo che trova, dove i GW si scambiano con GWh, notavo come il Dott. Battaglia sembrava proprio come l’Ing. Degli Ulivi. Proprio lui, il celebre personaggio dell’universo gaddiano. Degli Ulivi aveva scoperto, così almeno lui diceva, un modo di far detonare gli esplosivi a distanza. Venne smentito durante una manifestazione organizzata ad hoc. Ma allora erano tempi di Luci e di Duci. Allora...





  


29 aprile 2011

Libica


S’era sposato a quasi ventisei anni, nel gennaio del 15, con l’aiuto di certi parenti imparentati con della gente di via, di Treviso; era sicuro che il paese, profondamente socialista, non avrebbe mai e poi mai consentito alla guerra, alla carneficina del proletariato. La Libia pur essendo dell’89 l’aveva schivata. Ma quando poi, maturò quella grossa, allora lo brancarono anche lui così bello, sposo ancora caldo di letto perché a Cadorna potevano fargli comodo anche quelli di seconda scelta per i suoi colpi di maglio.

- La Meccanica - Carlo Emilio Gadda





  


22 aprile 2011

Recensione

Imprenditori d'Italia approda su Europa. Qui 


22 aprile 2011

Ferrero


La prematura somparsa di Pietro Ferrero, CEO del gruppo di Alba, è l'occasione per riflettere sul capitalismo italiano. Quello buono e sano. Quel capitalismo che dovrebbe ispirare altri a fare, intraprendendo. Una di quelle storie di imprese che vorremmo si comportasse come un canguro. Che nel marsupio porta dentro una nuova iniziativa. Un capitalismo molto economico e poco finanziario. Moderno perchè, attraverso il marketing, ha saputo fare Re i propri prodotti (Nutella e kinder) celando il cognome della famiglia. Là dietro in disparte.
Quel fare impresa che oggi fa piangere gli operai di Alba per la perdita di Pietro. Quel fare impresa che, pur espandendosi in tutto il mondo con 18 stabilimenti, ha ancora lì ad Alba il suo quartier generale. Parte della sua produzione. Un capitalismo che come direbbe Carlo Maria Cipolla è vincente perchè sa fare "cose semplici e belle e che piacciono a tanti".







  


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. sud africa alba pietro ferrero

permalink | inviato da aronne il 22/4/2011 alle 0:22 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


12 aprile 2011

Aronne a Roma


Aronne venerdì 15 Aprile è a Roma.  Alle 18 presenterà presso la Libreria Mondadori di Via Piave  il suo libro "Imprenditori d'Italia". Con Aronne, Stefano Cingolani editorialista de Il Foglio.






  

sfoglia     marzo        maggio
 
 


 >> >>  in evidenza  << <<
  
  "Eurobond, Eurobond!"
  




  
I pionieri dell'Imprenditoria
 


  
                Statistiche

 Site Meter  



 















CERCA

Paperblog : le migliori informazioni in diretta dai blog